SOLO PER OGGI (Papa Giovanni XXIII)

Solo per oggi cercherò di vivere alla giornata,

senza voler risolvere i problemi della mia vita tutto in una volta.

Solo per oggi avrò la massima cura del mio aspetto:

vestirò con sobrietà, non alzerò la voce,

sarò cortese nei modi, non criticherò nessuno,

non cercherò di migliorare o disciplinare nessuno tranne me stesso.

Solo per oggi sarò felice nella certezza che sono stato creato per essere felice

non solo nell’altro mondo, ma anche in questo.

Solo per oggi mi adatterò alle circostanze,

senza pretendere che le circostanze si adattino ai miei desideri.

Solo per oggi dedicherò dieci minuti del mio tempo a sedere in silenzio ascoltando Dio,

ricordando che come il cibo è necessario alla vita del corpo,

così il silenzio e l’ascolto sono necessari alla vita dell’anima.

Solo per oggi compirò una buona azione e non lo dirò a nessuno.

Solo per oggi mi farò un programma:

forse non lo seguirò perfettamente,

ma lo farò.

E mi guarderò dai due malanni:

la fretta e l’indecisione.

Solo per oggi crederò fermamente,

nonostante le apparenze contrarie,

che la Provvidenza di Dio si occupi di me

come se nessun altro esistesse al mondo.

Solo per oggi non avrò timori..

In modo particolare non avrò paura

di godere di ciò che è bello

e di credere nell’Amore.

Posso ben fare per 12 ore ciò che mi sgomenterebbe se pensassi di doverlo fare tutta la vita.

Panteismo

Onora l’universo come sola divinità reale e considera la natura come sacra. Fonde la religione e la scienza e si occupa degli esseri umani che sono attenti alla natura. Fornisce le basi più solide per un’etica ambientale. E’ una religione che non richiede nessuna fede se non il buon senso, nessuna rivelazione se non occhi e mente aperti, nessun guru se non te stesso.
 

"Ogni panteismo di trasforma facilmente in ateismo"
(Ralph Waldo Emerson)


Dio è Tutto, Tutto è Dio"

Granelli di polvere…

L’universo è immenso, e gli
uomini non sono altro che piccoli granelli di polvere su un
insignificante pianeta. Ma quanto più prendiamo coscienza della nostra
piccolezza e della nostra impotenza dinanzi alle forze cosmiche, tanto
più risulta sorprendente ciò che gli esseri umani hanno realizzato.

Matrix……… e Platone…

Svegliati Neo. Matrix ha te. Segui il coniglio bianco.




Hai mai fatto un sogno tanto realistico da sembrarti vero? E se da un
sogno così non ti dovessi più svegliare? Come potresti distinguere il
mondo dei sogni da quello della realtà? (
Morpheus)


Che vuol dire reale? Dammi una definizione di reale. Se ti
riferisci a quello che percepiamo, a quello che possiamo odorare,
toccare e vedere, quel reale sono semplici segnali elettrici
interpretati dal cervello. Questo è il mondo che tu conosci. Il mondo
com’era alla fine del XX secolo. E che ora esiste solo in quanto parte
di una neuro-simulazione interattiva che noi chiamiamo Matrix. Sei
vissuto in un mondo fittizio, Neo. (Morpheus)


Desidero condividere con te [Morpheus] una
geniale intuizione che ho avuto, durante la mia missione qui. Mi è
capitato mentre cercavo di classificare la vostra specie.
Improvvisamente ho capito che voi non siete dei veri mammiferi: tutti i
mammiferi di questo pianeta d’istinto sviluppano un naturale equilibrio
con l’ambiente circostante, cosa che voi umani non fate. Vi insediate
in una zona e vi moltiplicate, vi moltiplicate finché ogni risorsa
naturale non si esaurisce. E l’unico modo in cui sapete sopravvivere è
quello di spostarvi in un’altra zona ricca. C’è un altro organismo su
questo pianeta che adotta lo stesso comportamento, e sai qual è? Il
virus. Gli esseri umani sono un’infezione estesa, un cancro per questo
pianeta: siete una piaga. E noi siamo la cura. (Agente Smith)


http://it.wikipedia.org/wiki/Matrix


Il mito della caverna di Platone è probabilmente la più conosciuta tra le sue allegorie, metafore e parabole.

Si immaginino dei prigionieri che siano stati incatenati, fin dall’infanzia, nelle profondità di una caverna. Non solo le membra, ma anche testa e collo sono bloccati, in maniera che gli occhi dei malcapitati possano solo fissare il muro dinanzi a loro.

Si pensi, inoltre, che alle spalle dei prigionieri sia stato acceso un enorme fuoco e che, tra il fuoco ed i prigionieri, corra una strada rialzata. Lungo questa strada sia stato eretto un muricciolo, lungo il quale alcuni uomini portano forme di vari oggetti, animali, piante e persone. Le forme proietterebbero la propria ombra sul muro e questo attrarrebbe l’attenzione dei prigionieri. Se qualcuno degli uomini che trasportano queste forme parlasse, si formerebbe nella caverna un’eco che spingerebbe i prigionieri a pensare che questa voce provenga dalle ombre che vedono passare sul muro.

Mentre un personaggio esterno avrebbe un’idea completa della situazione, i prigionieri, non conoscendo cosa accada realmente alle proprie spalle e non avendo esperienza del mondo esterno (si ricordi che sono incatenati fin dall’infanzia), sarebbero portati ad interpretare le ombre "parlanti" come oggetti, animali, piante e persone reali.

Si supponga che un prigioniero venga liberato dalle catene e sia costretto a rimanere in piedi, con la faccia rivolta verso l’uscita della caverna: in primo luogo i suoi occhi sarebbero abbagliati dalla luce del fuoco ed egli proverebbe dolore. Inoltre, le forme portate dagli uomini lungo il muretto gli sembrerebbero meno reali delle ombre alle quali è abituato; persino se gli fossero mostrati quegli oggetti e gli fosse indicata la fonte di luce, il prigioniero rimarrebbe comunque dubbioso e, soffrendo nel fissare il fuoco, preferirebbe volgersi verso le ombre.

Allo stesso modo, se il malcapitato fosse costretto ad uscire dalla caverna e venisse esposto alla diretta luce del sole, rimarrebbe accecato e non riuscirebbe a vedere alcunchè. Il prigioniero si troverebbe sicuramente a disagio e s’irriterebbe per essere stato trascinato a viva forza in quel luogo.

Volendo abituarsi alla nuova situazione, il prigioniero riuscirebbe inizialmente a distinguere soltanto le ombre delle persone e le loro immagini riflesse nell’acqua; solo con il passare del tempo potrebbe sostenere la luce e guardare gli oggetti stessi. Successivamente, egli potrebbe, di notte, volgere lo sguardo al cielo, ammirando i corpi celesti con maggior facilità che di giorno. Infine, il prigioniero liberato sarebbe capace di vedere il sole stesso, invece che il suo riflesso nell’acqua, e capirebbe che:
  « è esso a produrre le stagioni e gli anni e a governare tutte le cose del mondo visibile e ad essere causa, in certo modo, di tutto quello che egli e suoi compagni vedevano. »
   
(Platone, La Repubblica, libro VII, 516 c – d, trad.: Franco Sartori)

Resosi conto della situazione, egli vorrebbe senza dubbio tornare nella caverna e liberare i suoi compagni, essendo felice del cambiamento e provando per loro un senso di pietà: il problema, però, sarebbe proprio quello di convincere gli altri prigionieri ad essere liberati. Infatti, dovendo riabituare gli occhi all’ombra, dovrebbe passare del tempo prima che il prigioniero liberato possa vedere distintamente anche nel fondo della caverna; durante questo periodo, molto probabilmente egli sarebbe oggetto di riso da parte dei prigionieri, in quanto sarebbe tornato dall’ascesa con "gli occhi rovinati". Inoltre, questa sua temporanea inabilità influirebbe negativamente sulla sua opera di convincimento ed, anzi, potrebbe spingere gli altri prigionieri ad ucciderlo, se tentasse di liberarli e portarli verso la luce, in quanto, a loro dire, non varrebbe la pena di subire il dolore dell’accecamento e la fatica della salita per andare ad ammirare le cose da lui descritte.

http://it.wikipedia.org/wiki/Mito_della_caverna